//5 consigli utili per chi cerca lavoro

5 consigli utili per chi cerca lavoro

Ora che hai concluso gli studi universitari puoi chiudere nel cassetto tutti gli appunti e affacciarti al mondo degli adulti lavoratori. Sai già come fare? Se ti senti perso e non conosci le mosse vincenti del gioco, questo articolo è quello di cui hai bisogno. Che tu profumi ancora di alloro o che tu abbia scelto di cambiare lavoro, nelle prossime righe leggerai 5 utili consigli per trovare il lavoro adatto alle tue skills.

Consiglio 1 – Non sottovalutare il passaparola

E’ vero, il contesto attuale ci porta a pensare che le tecnologie e la comunicazione digitale abbiano superato i tradizionali sistemi di comunicazione, tuttavia saper fare network è ancora uno degli strumenti più forti oltre che validi, per entrare nel mondo del lavoro. Sai come si fa? Partecipando a conferenze, incontri di settore, conoscendo professionisti e restando in contatto con docenti universitari, chi meglio di loro saprà consigliarti e indicarti la strada migliore? Costruire una relazione informata è importante perchè si basa sulla conoscenza delle vostre competenze, così che al momento opportuno possiate essere segnalati in base alle vostre skills da chi di dovere.

Consiglio 2 – Rivolgiti ad agenzie per il lavoro

Generalmente tendiamo a pensare che le agenzie del lavoro siano tutte uguali: non è così! In realtà ne esistono di diverse tipologie: i centri per l’impiego e le agenzie per il lavoro. Le prime sono enti pubblici le seconde enti privati. Vediamo in che cosa si differenziano.

Centri per l’impiego: Solitamente queste realtà offrono anche un servizio di supporto e affiancamento, gli operatori presenti nei Centri dell’impiego supportano i neo candidati nell’individuazione dei punti di forza da inserire a curriculum. E’ proprio in questi centri che è possibile ottenere informazioni a proposito di bandi pubblici e graduatorie aperte. Tuttavia non sono molte le aziende che si rivolgo a queste realtà, si tratta infatti del 2,2%  delle società nazionali, un numero esiguo rispetto al contesto privato caratterizzato dalle agenzie per il lavoro.

Agenzie per il lavoro: La maggior parte delle aziende per la ricerca e selezione del personale si affidano ad un’agenzia per il lavoro, questo ti aiuta perché recandoti presso un’unica agenzia puoi avere accesso a centinaia di offerte di lavoro e registrandoti il tuo profilo sarà a disposizione di tutte le aziende che stanno cercando personale.

Consiglio 3 – Partecipa sul web in maniera attiva

Che cosa significa essere attivo sul web? Sicuramente essere presente sui principali social network come Linkedin non basta, bisogna esserci, questo si, ma in maniera aggiornata e attiva. Questo vuol dire aggiornare i propri dati online allo stato attuale, seguire le aziende di spicco per restare informato sulle ultime novità e caricare i propri cv all’interno di database aziendali. Anche se quest’ultima fase può sembrare un aperdita di tempo in reatà è molto utile perchè in questo modo sarete salvati per un periodo molto lungo all’interno dei database aziendali e quindi, potenzialmente, sarete sempre disponibili per quella determinata realtà.

Consiglio 4 – Il curriculum è importante ma non è tutto

Il Curriculum è importante ma non sopravvalutiamolo. Appurato che debba essere scritto correttamente e in maniera chiara, esso rappresenta essenzialmente una linea guida, non è tutto e, soprattutto, non bisogna scriverci tutto. E’ importante che sia scorrevole alla lettura e che sia costituito da informazioni utili e rilevanti. Inteso come parte del tutto, questo documento viene sicuramente dopo i consigli che avete letto ai punti  1, 2 e 3.

Consiglio 5 – Durante il colloquio, sii te stesso

Sei riuscito a trovare l’azienda che fa per te, hai mandato il tuo cv e incredibilmente ti hanno contattato: fantastico! Ora arriva la parte decisiva, il contatto umano. Molto spesso tutto si riduce a buon senso, non serve colpire a tutti i costi, si può far breccia nel cuore dei selezionatori dicendo la verità e rispondendo in maniera semplice e chiara. Un po’ come al primo appuntamento, giocamoci le carte migliori che abbiamo e poi lasciamo spazio alle sensazioni a pelle. Un plus? Senza dubbio la conoscenza della lingua inglese, fondamentale per diversi contesti come ad esempio comunicare al telefono ed essere parte attiva durante meeting e conferenze aziendali. Poi sicuramente un po’ di fortuna non guasta, talvolta essere al posto giusto al momento giusto può davvero fare una bella differenza.